Atmosfere parigine nella Capitale: Slim Bistrot

I bistrot francesi sono certamente una cosa a parte: tradizioni diverse, strutture standardizzate, evoluzioni anche inaspettate per il popolo d’oltralpe, cibi e bevande che non deviano mai da un cammino preciso, e poi l’aria di Parigi che non ha rivali e non si può rappresentare. Mai.

In Italia di bistrot se ne contano veramente pochi e quei pochi si presentano come locali un po’ retrò, magari con pareti di legno e vetri pitturate di bianco, luci solo sufficienti probabilmente trovate presso qualche rigattiere, arredamento fuori dagli schemi, tendenzialmente casual. È il caso di questo Slim, situato stranamente nel presuntuoso quartiere Trieste, con alcune pareti come più sopra descritte ed altre in mattoncini sempre pitturati di bianco, i tavolini piccoli molto ravvicinati e apparecchiati con la sola tovaglietta di carta (le uniche cose che lo accomunano ai bistrot francesi!), la consolle lunga tutta una parete e provvista di sgabelli, in maniera da sfruttare ogni spazio disponibile che si estende in lunghezza fino a trasformarsi in una sorta di giardino interno dove è possibile intrattenersi durante i periodi più caldi. Una clientela di stampo nettamente giovanile sembra essere lo zoccolo duro del locale che, in occasione dell’ormai diffuso aperitivo serale o, più tardi, tra una birra e un piatto più o meno alternativo, si riempie di un vocio sempre più intenso che si trasforma in un rumoroso ambiente dove un tranquillo colloquio tra commensali diventa praticamente impossibile. Tant’è! Così come la clientela, anche il personale del bistrot è ovviamente giovane e il servizio assolutamente informale ma volenteroso e si adegua alla tipologia del ristorante.

Da un menù che non possiamo certamente definire variegato abbiamo estrapolato per la nostra cena una pappa al pomodoro con dadolata di bufala e basilico semplice ma assolutamente accattivante, seguita da un flan di pecorino con composta di fichi risultato al contrario appena sufficiente sentiti i sapori slegati e scarsamente riconoscibili. Per quanto concerne il primo piatto, vista l’improvvisa (?!) mancanza dell’insalata di riso presente in menù e da noi richiesta, abbiamo dovuto ripiegare sui tonnarelli (sono venuti a mancare inopinatamente anche gli originari gnocchi del piatto in questione!) con tonno, olive taggiasche e pomodorini che, a parte il discreto sapore all’impatto iniziale, sono risultati oltremodo pesanti e contemporaneamente un po’ insignificanti. L’hamburger di fassona piemontese con pane al sesamo cheese e bacon arrosto con pannocchia burro e sale non si è dimostrato altro che un banale panino reperibile da Mc Donald’s, solo un po’ più saporito. Fortunatamente il rostbeef in crosta di pistacchio con patate al forno, pur nella sua intrinseca banalità, ha riportato la valutazione a livello della sufficienza. Rinunciare al dessert è stata una decisione unanime, viste anche le proposte in menù.

Della cantina è praticamente inutile parlare: probabilmente è tutta basata sul prodotto “birra”, che abbiamo visto troneggiare in diversa quantità sugli altri tavoli. Noi ci siamo “sconsolati” con un modesto Cabernet Sauvignon Livon 11, di pronta beva ma null’altro.

Nonostante la piacevolissima chiacchierata finale con la patronne, il nostro giudizio non può certamente essere positivo, anche se probabilmente l’errore è stato commesso da noi all’atto della scelta del locale, locale che ovviamente non ha pretese di grande ristorazione, ma gioca sulla frequentazione costante di ragazzi la cui priorità è sicuramente la compagnia prescelta per quella determinata serata in quel determinato e soddisfacente ritrovo, almeno per loro.

D’altro canto, una cena completa non è neppure regalata visto che il conto si aggira intorno ai 40 € a persona, naturalmente esclusi i vini.

Via Tagliamento 57 - Tel. 0688922145

Aperto: solo la sera - Chiuso: Domenica - Ferie: Agosto

  • Attualmente 5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 5/5 (3 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Commenti

Non ci sono commenti